Archivio Categoria: Minima methodica

Apr 17

Il Giorgione ai tempi di iTunes …..Veneti Polentoni? Si grazie!

L. Maresca  –  D. Gasparini* *Docente di Storia dell’agricoltura e dell’alimentazione nell’Università di Padova   Nei week end di primo sole del 2013, paradossalmente suggeriamo ai lettori un itinerario tutt’altro che marittimo, sicuramente ricco di storia e di fascino.

Continua a leggere »

Dic 31

È camminando che si fa il cammino…

Minima Methodica L. Maresca Self made walking management. Il più consolidato trattamento per il paziente con arteriopatia cronica ostruttiva periferica.La scena è tra le più affascinanti: il lungomare Partenopeo, il protagonista è il paziente.

Continua a leggere »

Ago 28

Carol King I FEEL THE EARTH MOVE. From Tapestry 1971 Ed. A & M Records

L. Maresca “I feel the earth – move – under my feet I feel the sky tum-b-ling down – tum-b-ling down….”  “Sento muovere la terra-sotto i miei piedi Sento crollare il celo a terra…” I più ritengono  ”I feel the earth move” una delle più significative  canzoni  d’amore della cantautrice Carol King, moderna Saffo della …

Continua a leggere »

Ago 28

Dov’era Porto Ulisse?

GMA  Agli Angiologi e Chirurghi Vascolari che saranno a Catania il prossimo Settembre 2012, dal 15 al 18, per il Corso Internazionale della SIDV-GIUV, suggeriamo di dedicare un momento di relax ad uno dei luoghi catenesi meno noti al turista, il Borgo Marinaro di Ognina, a poche centinaia di metri dalla sede dei lavori, ricco …

Continua a leggere »

Giu 04

Enologia ed Angiologia: percorsi “di-vini”

Loredana Maresca  “Non metterti in cammino se la bocca non sa di vino.” Caro Angiologo, caro Vascolare, sull’Autostrada del Sole da Roma verso nord, volgendo l’attenzione a sinistra sarà molto difficile distogliere lo sguardo dalla comparsa all’orizzonte di una città surreale. 

Continua a leggere »

Apr 11

“Minima Methodica” Tra anatomia vascolare e arte – Suggerimenti per un weekend

Loredana Maresca “…è una catena ormai che scioglie il sangue dint’e vene sai..” 1 Il rosso e il blu sono i colori dei drappi del tardo settecento napoletano, preziosi panneggi sacri che ancestralmente riprendono nelle forme e nei toni colorimetrici le sinuose vie dei vasi sanguiferi2 Nel cuore di Napoli nella famosa Cappella Sansevero3, lì dove …

Continua a leggere »