«

»

Lug 05

MAGGIORE ATTENZIONE NELLA PREVENZIONE SECONDARIA NELLE DONNE CON DIABETE DI TIPO 2

GMA

La maggiore aggressività cardiovascolare del diabete nel genere femminile è nota. Una recente conferma è stata pubblicata online lo scorso 21 aprile 2013. Una coorte dello studio italiano RIACE (Renal Insufficiency And Cardiovascular Events) che ha osservato 15.773 diabetici, presso 19 reparti per diabetici, nel periodo 2007-2008, ha valutato i

fattori di rischio cardiovascolare tradizionali, le complicanze macro e microvascolari, e i trattamenti correnti per il controllo della glicemia, della pressione arteriosa e dei livelli lipidici.

 

Sebbene le complicanze vascolari in assoluto siano state più frequenti negli uomini, le donne hanno mostrato un profilo di rischio di CV meno favorevole e una peggiore performance nel raggiungimento degli obiettivi di trattamento in termini di emoglobina glicata, LDL, HDL, colesterolo non-HDL e pressione arteriosa sistolica e, soprattutto, di indice di massa corporea (BMI) e circonferenza vita. Questo trend peggiore non riguardava però i trigliceridi e la pressione diastolica.

Il peggiore raggiungimento dei target terapeutici era confermato anche dopo aggiustamento dei dati maggiormente confondenti, come tipo di trattamento, BMI, durata del diabete.

Il genere femminile si conferma dunque, rispetto agli uomini, un predittore indipendente di mancato raggiungimento dei target terapeutici. Questa maggiore probabilità di fallire gli obiettivi del trattamento non è risultata associata a differenze nel trattamento.

È probabile che altre disparità, oltre al genere, intervengano nel determinare questo comportamento, e la funzione renale potrebbe essere a ragione chiamata in causa.

In ogni caso, maggiore cura e attenzione vanno poste nella presa in carico delle donne diabetiche.

 

 

GENDER DIFFERENCES IN CARDIOVASCULAR DISEASE RISK FACTORS, TREATMENTS AND COMPLICATIONS IN PATIENTS WITH TYPE 2 DIABETES: THE RIACE ITALIAN MULTICENTRE STUDY 
Penno G, Solini A, Bonora E, et al.

J Int Med, 2013 Apr 9. doi: 10.1111/joim.12073. [Epub ahead of print]